Vaccini, i distributori intermedi chiedono garanzie nelle forniture

Roma, 7 settembre – Anche le sigle dei distributori intermedi, Adf e Federfarma Servizi, dopo quelle delle farmacie, battono un colpo in materia di vaccini antinfluenzali. In un comunicato congiunto diffuso venerdì scorso, le due sigle presiedute rispettivamente da Alessandro Morra (nella foto) e Antonello Mirone hanno rilanciato l’allarme sulla disponibilità dei  che «si attuino tutte le garanzie per assicurare le forniture di vaccini antinfluenzali ai magazzini delle nostre strutture, il coinvolgimento dei quali è indispensabile affinché le dosi necessarie giungano attraverso le farmacie e i medici a tutta la cittadinanza».

“Il rischio concreto di carenza di vaccini antiflu dovuto all’incremento delle richieste delle Regioni per i soggetti più a rischio”  si legge nel comunicato “ha reso difficoltosi i rifornimenti da parte dei produttori al canale distributori intermedi-farmacie, attraverso cui viene dispensato annualmente più di un milione di dosi“.  Un rischio, quello della scarsa disponibilità dei vaccini, che va assolutamente scongiurato, alla luce dell’importanza della prossima campagna di copertura vaccinale,  che – sottolineano le sigle dei distributori –  “riveste un ruolo fondamentale anche nel quadro della lotta contro la pandemia, e sarà perciò ancor più importante vaccinarsi contro l’influenza stagionale onde evitare che si generi confusione con il contagio da Covid-19″.

Federfarma Servizi e Adf, a ogni buonto,  esprimono il loro apprezzamento per l’iniziativa del ministero della Salute che, su richiesta delle sigle della farmacia, ha subito convocato un tavolo per affrontare il tema (il primo incontro si è svolto lo scorso 1 settembre) e trovare le giuste contrarie per garantire la disponibilità dei vaccini antinfluenzali anche ai cittadini che, pur non rientrando nelle categorie a rischio, intendono comunque vaccinarsi in regime privato nelle farmacie territoriali.  L’auspicio è che  “si giunga rapidamente a risolvere ogni criticità”: al riguardo, le due sigle “sono come sempre disponibili, in un’ottica di sistema, a concordare con le istituzioni e le associazioni del tavolo una soluzione condivisa, e garantiscono come sempre l’impegno al fianco dei farmacisti e delle farmacie del territorio per il più efficiente servizio a tutela della salute di tutti i cittadini“.