Stati generali della Montagna, riflettori anche su farmacie rurali

Roma, 24 luglio – Partono oggi a Roccaraso, in Abruzzo, e si concluderanno domani, 25 luglio, gli Stati generali della Montagna, organizzati dal Dipartimento per gli Affari regionali e le Autonomie, nel pieno rispetto della normativa anti Covid-19.

L’importante appuntamento, indetto per un’ampia analisi e riflessione sulle criticità e le necessità delle zone montane – che spesso coindono con quelle più marginali e problematiche  –  arriva alla  vigilia delle importanti scelte per il rilancio del Paese, con la definizione dei piani nazionali legati alle opportunità del Recovery fund e rappresenterà un’occasione, spiegano gli organizzatori, “per raccogliere le istanze dei territori montani. La pandemia, che ha registrato fra i territori montani risposte spesso encomiabili all’emergenza sanitaria, ha dimostrato la necessità di predisporre ulteriori interventi a favore della montagna italiana”.

Per il governo interverranno i  ministri Francesco Boccia (Affari regionali e Autonomie), Paola Pisano (Innovazione) e  Peppe Provenzano (Sud). Tra gli ospiti, oltre al presidente della Regione Abruzzo, delegato della Conferenza delle Regioni, Marco Marsilio, ci saranno il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli e  il commissario alla ricostruzione, Giovanni Legnini.

Spicca, ed è di particolari significato e rilievo, la presenza alla due giornidei rappresentanti delle farmacie rurali, che nelle località montane rappresentano spesso l’unico presidio di sanità a disposizione deille comunità. A illustrarne problematiche e ruolo sarà il  presidente di Federfarma-Sunifar Gianni Petrosillo (nella foto). “Sono molto onorato di partecipare a questo importante appuntamento istituzionale, dove potrò portare le proposte delle farmacie rurali per continuare a presidiare i territori montani, ampliando la gamma dei servizi offerti e colmando le eventuali carenze del Servizio sanitario nazionale, dovute alla lontananza di molti territori dai presidi ospedalieri o, comunque, dalle altre strutture sanitarie pubbliche” spiega Petrosillo in una dichiarazione diffusa dall’house organ del suo sindacato Filodiretto.

In questa occasione si parlerà in modo particolare della necessità di superare il divario digitale che rende più difficile l’erogazione dei servizi informatizzati in molte aree del territorio. La farmacia” conclude il presidente di Sunifar “vuole continuare ad essere vicina al cittadino, sempre e ovunque e, specialmente, nelle aree montane del Paese, ricche di potenzialità, ma spesso anche di criticità dal punto di vista delle infrastrutture e dei servizi”

I lavori degli Stati generali della Montagna potranno essere seguiti a distanza, per chi fosse interessato, a questo link.