Misure urgenti su Covid, in GU il Dpcm che le proroga fino al 7 ottobre

Roma, 9 settembre – Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale  (la n. 222, serie generale, del  7 settembre) il Dpcm firmato in pari data dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte (nella foto),  che proroga fino al 7 ottobre le misure per contrastare il diffondersi del virus Covid-19.

Si tratta delle stesse misure contenute nel Dpcm del 7 agosto. L’unica novità importante è la possibilità di ricongiungimento per le coppie internazionali, prevedendo la quarantena di 14 giorni e l’autocertificazione per l’ingresso in Italia da chi proviene da Paesi finora considerate off limits. Si tratta di Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kosovo, Kuwait, Macedonia del nord, Moldova, Montenegro, Oman, Panama, Peru’, Repubblica dominicana, Serbia, Colombia. Per il ricongiungimento serve quindi certificare che chi arriva nel nostro Paese dovrà risiedere presso una persona con la quale “vi sia una stabile relazione affettiva”.

Confermato che chi proviene da Croazia, Grecia, Malta e Spagna deve fare obbligatoriamente il tampone. Previsto il limite di capienza all’80 per cento per i trasporti pubblici e l’obbligo delle mascherine nei luoghi chiusi. Restano chiusi stadi e discoteche.

“Il governo non ha mai riaperto le discoteche, lo hanno fatto”  ha spiegato sempre lunedì il ministro della Salute, Roberto Speranza  “alcune Regioni che ne avevano la facoltà, ma noi siamo intervenuti per richiuderle. E il Dpcm firmato lunedì proroga tutte queste misure che erano già in vigore”.