Fofi, circolare su divieto preparazioni magistrali a scopo dimagrante

Roma, 13 luglio – La Federazione degli Ordini dei Farmacisti italiani ha diramato lo scorso 8 luglio una circolare a tutti gli iscritti, inoltrata il giorno dopo a tutte  le sigle della professione sul tema delle preparazioni magistrali a scopo dimagrante, per ricordare la necessità del rispetto scrupoloso della normativa nazionale sulle sostanze anoressizzanti.

L’iniziativa della Federazione – in qualche modo sollecitata dallo stesso ministero della Salute, che ha chiesto di continuare l’azione di vigilanza e controllo, al fine di impedire che vengano prescritte e dispensate preparazioni oggetto di divieto, e di informare lo stesso Dicastero in caso di eventuali violazioni accertate, a seguito di diverse diffida inoltrate a ministero della salute, Iss e un’altra serie di autorità da un cittadino (Michele Marzulli)  dopo il decesso di un giovane di 28 anni che, come riportato dalla stampa, seguiva una dieta ed assumeva prodotti dimagranti – richiama l’attenzione sul problema ed esorta nuovamente i presidenti di Ordine “a mettere in atto le opportune iniziative per garantire un’efficace azione di vigilanza”

La circolare è arricchita da un ampio corredo documentale: sono infatti riportate le varie diffide di Marzulli, a loro volta completate da una serie di articoli giornalistici che testimoniano numerosi casi di tossicità gravi emersi dopo l’assunzione di preparati a scopo dimagrante, e dalle quattro relazioni di analisi delle prescrizioni di preparazioni magistrali a scopo dimagrante pervenute al ministero della Salute predisposte dal Centro nazionale  per la ricerca e la valutazione preclinica e clinica dei farmaci dell’Iss.

Il ricco corredo di allegati riporta anche un’analisi del lusso informativo sulle preparazioni galeniche contenenti pseudoefedrina della Ats Brianza (periodo settembre 2017 – luglio 2018), oggetto di un poster al VI Congresso Sifact tenutosi a Milano nell’ottobre 2018.