Farmacisti ospedalieri nel Ssn che cambia, la sfida è governare i dati

Roma, 11 dicembre – “Il farmacista ospedaliero è al centro dello sviluppo di farmaci personalizzati e della medicina di precisione, totalmente integrato nei team multidisciplinari e nei Pdta oncologici, soggetto trainante della nuova integrazione ospedale-territorio, protagonista della logistica integrata del farmaco e della rivoluzione digitale e dell’intelligenza artificiale, figura professionale stabilmente inserita nelle unità di crisi”.

Questo il messaggio che il presidente Arturo Cavaliere (nella foto) ha voluto lanciare all’inizio del XLI Congresso nazionale della Sifo, la Società italiana di farmacia ospedaliera e dei servizi farmaceutici delle Aziende sanitarie,  tracciando le coordinate di quella che è e deve essere la posizione della professione in un periodo di ripensamento dell’intero Servizio sanitario nazionale.

L’evento, che dal 10 al 12 dicembre coinvolge su piattaforma digitale migliaia di professionisti e operatori sanitari, politici ed esponenti delle istituzioni, associazioni di pazienti e società scientifiche, si concentra su un tema che guarda all’oggi ma si rivolge al futuro: “Dai dati all’informazione: nuovo paradigma per l’assistenza farmaceutica e il Ssn. Imparare dall’emergenza per cambiare”.

Il nostro impegno come farmacisti del Servizio sanitario nazione” ha voluto sottolineare la presidente del congresso Ielizza Desideri, nel corso della serata che il 9 dicembre ha anticipato l’apertura dei lavori “è quello di contribuire al bene comune con il nostro lavoro e dalla nostra posizione che è così trasversale ai processi assistenziali, sul piano clinico e gestionale. Se l’emergenza pandemica ha evidenziato limiti e criticità strutturali, culturali, organizzative, allora si potrà e dovrà imparare dall’emergenza per cambiare, come auspica il titolo che abbiamo scelto. Cambiare, lo sappiamo, è un verbo impegnativo, quando significa accettare di partecipare allo sforzo comune per migliorare quello che facciamo, con una prospettiva di lungo termine, senza accontentarsi di soluzioni momentanee o parziali. Il tema scelto per il nostro congresso risulta quindi attuale e centrale e l’emergenza lo ha evidenziato”.

Dati, informazioni e cambiamento sono elementi fortemente connessi e interdipendenti, e il congresso della Sifo si propone di approfondire questi nessi, che saranno vitali per la riorganizzazione del sistema di salute pubblica  “Le fonti dati sono molteplici e generano numeri perlopiù destrutturati, o non interconnessi, non completamente fruibili, accessibili, interrogabili” ha spiegato Desideri. “È difficile gestire dinamicamente queste risorse, sia in sanità come in altri ambiti della attività umana. Quindi appare evidente il bisogno di assicurare competenze e strumenti adeguati alla raccolta dei dati, con attenzione alla standardizzazione, alla qualità, alla loro protezione”.

“Il farmacista ospedaliero,che ha assunto un ruolo trasversale tra direzione strategica e assistenza, sviluppando capacità organizzative e manageriali che vanno ben oltre le pur importanti competenze tecniche” ha quindi concluso Cavaliere  “è chiamato da subito a governare l’onda del cambiamento, partecipando attivamente al governo del sistema dei dati affinché questi si traducano in scelte di salute, in risposte concrete ai bisogni”.

Durante l’evento pre-congressuale che ha lanciato i temi nevralgici del congresso, si sono alternati –oltre agli gli interventi di Cavaliere e Desideri –anche quelli di Barbara Meini (coordinatore del Comitato Scientifico del Congresso), Andrea Cammilli (presidente del Comitato organizzatore) ed alla performance di farmacia narrativa creata sulla base dei testi condivisi da farmacisti ospedalieri durante la pandemia.

Hanno portato inoltre i loro saluti anche altre personalità, tra le quali  Andrea Mandelli (presidente della Fofi), Bruno Marie Duffè (segretario del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale del Vaticano), Simone Bezzini (assessore al Diritto alla Salute e alla Sanità della Regione Toscana), Antonio Mazzeo (presidente del Consiglio regionale della stessa Regione), mentre Luca Toschi (ordinario di Sociologia dei Processi culturali e comunicativi e direttore del Center for Generative Communication dell’Università di Firenze), ha proposto una riflessione sul significato della comunicazione nell’ambito dei servizi sanitari di fronte all’attuale emergenza.