UK, scatta lo switch, il Viagra, diventa farmaco over the counter

Roma, 30 novembre – Il Regno Unito sarà il primo Paese in cui il Viagra potrà essere venduto come farmaco da banco. Lo ha deciso la Medicines and healthcare products regulatory agency, l’agenzia regolatoria inglese, la prima al mondo a riclassificare il farmaco tra quelli senza obbligo di ricetta (in dosaggio da 50 mg) con l’obiettivo dichiarato di contrastare il ricorso agli acquisti su internet, dove è altissimo il rischio di imbattersi in medicinali falsi.

Il farmaco verrà in ogni caso venduto solo in farmacia, precisa il comunicato dell’agenzia, e soltanto dopo un “confronto” con il farmacista, che dovrà determinare se il trattamento è appropriato per il paziente e decidere se invece chi richiede il farmaco deve consultarsi prima con il proprio medico.

“Il farmaco – si legge ancora nella nota Mhra – non sarà venduto a chi ha problemi cardiovascolari gravi e alle persone con un alto rischio cardiaco, a chi ha insufficienza epatica o renale e a chi sta prendendo alcuni farmaci che possono interagire. L’uso in questi gruppi deve continuare ad avere la supervisione di un medico”.

Il farmaco, che nella versione da banco si chiamerà Viagra Connect, dovrebbe arrivare nelle farmacie britanniche la prossima primavera. Sarà compito del farmacista istruire il paziente sull’uso e gli effetti collaterali, oltre che sulla disfunzione erettile.

“Far diventare questa medicina più disponibile aiuterà direttamente quegli uomini che altrimenti non si sarebbero rivolti al sistema sanitario”  conclude la Mhra “tenendoli lontani dai rischi dell’acquisto di farmaci sui siti web che operano illegalmente”.

Secondo quanto riferisce The Pharmaceutical Journal, la decisione è stata accolta favorevolmente dalla Royal Pharmaceutical Society, l’organismo professionale dei farmacisti inglesi. “Lo switch del Viagra migliorerà l’accesso a un farmaco che si è dimostrato sicuro ed efficace, se usato in modo appropriato, in oltre un decennio di utilizzo da parte di milioni di uomini nel mondo reale” ha commentato il presidente della Rps Martin Astbury, aggiungendo che il nuovo regime di vendita potrà anche aiutare a identificare più uomini che potrebbero essere a rischio di malattie cardiovascolari che i farmacisti saranno in grado di riferire ai medici generici.

“Aiuterà anche a migliorare la sicurezza dei farmaci, dal momento che il sildenafil è uno dei farmaci più contraffatti tra quelli che si acquistano on line” ha quindi osservato Astbury, a significare che le farmacie sono invece immuni dalla circolazione di farmaci falsi. Il presidente della Royal Pharmaceutical Society ha anche garantito che, in caso di switch del Viagra, la Spr fornirà ai farmacisti appositi servizi di consulenza e percorsi di formazione sul trattamento della disfunzione erettile, allo scopo di sviluppare le attività di counseling nella libera vendita dei farmaci a base di sildenafil citrato.