Sciopero dei medici
del Ssn, sospesi 40 mila interventi chirurgici

Roma, 12 dicembre – Più di quarantamila interventi chirurgici sospesi, così come centinaia di migliaia di visite specialistiche e prestazioni diagnostiche, oltre al blocco di tutta l’attività veterinaria connessa al controllo degli alimenti.

Sarà questo l’effetto dello sciopero dei medici e veterinari del Servizio sanitario nazionale proclamato per oggi, almeno secondo quanto  afferma il maggiore dei sindacati dei medici dirigenti, l’Anaao Assomed, sottolineando che “la sanità chiude un giorno per non chiudere per sempre”.
“Cresce il divario tra chi può curarsi pagando e chi no. Ormai si declina il diritto alla salute in base alla residenza e la distanza tra Bolzano e Napoli si può esprimere in 700 km o in 4 anni di aspettativa di vita”
  afferma il sindacato in una nota.  “È la situazione che la Legge di bilancio 2018 nemmeno prende in considerazione”.

Oggi, scrive ancora l’Anaao, “è chiamato allo sciopero chi vive da anni una condizione lavorativa caratterizzata da mancato rispetto delle pause e dei riposi, milioni di ore di lavoro non retribuite e non recuperabili, ferie non godute, turni notturni ad una età alla quale tutte le categorie, pubbliche e private, sono esonerate, reperibilità oltre il dettato contrattuale su più ospedali contemporaneamente, aumento dei carichi di lavoro festivi e notturni, progressioni di carriere rarefatte, livelli retributivi inchiodati al 2010 con perdite calcolate fino ai 50.000 euro per i giovani ed i livelli apicali. Una stangata senza eguali”.

Ma le doglianze, per il sindacato dei dirigenti medici, non finiscono qui, perché, “contemporaneamente, un’intera generazione di giovani è relegata dopo 11-12 anni di formazione in contratti di lavoro precari ed atipici. Nonostante ciò dopo otto anni di blocco non si sente ancora il segnale di inizio per la discussione del contratto di lavoro”.

Lo sciopero di oggi, conclude l’Anaao, “è l’occasione per i medici e dirigenti sanitari per una civile protesta, per chiedere al Governo una inversione di rotta che riporti la sanità pubblica nella agenda della politica nazionale, per la salute dei cittadini, con la legge di bilancio e con il contratto”.

I medici dipendenti del Servizio sanitario nazionale incassano la solidarietà della titolare della Salute Beatrice Lorenzin, che afferma di essere “assolutamente a fianco dei medici italiani” .

“Ci sono due problemi” spiega al riguardo la ministra. “Uno è quello dello sblocco del turnover che credo abbiamo seriamente contribuito a risolvere. Con i piani ospedalieri presentati dalle Regioni abbiamo dato il via a migliaia di assunzioni nuove. Ovviamente le Regioni ora devono fare i concorsi, devono farli in tempi brevi perché altrimenti questo lavoro rischia di appesantire e di rallentare. Poi c’è tutto il tema del rinnovo del contratto”  conclude Lorenzin “che non è un tema che gestisce il ministero della Salute ma io spero che riusciremo comunque a dare una mano per sostenere la buona causa dei medici ospedalieri in primis”.