Farmaci, parte oggi in più di 5000 farmacie la settimana di raccolta

Roma, 9 febbraio – Come già riferito venerdì scorso dal nostro giornale, torna oggi la Giornata di Raccolta del Farmaco (Grf) organizzata dalla Fondazione Banco Farmaceutico, ancora una volta in versione long size: per il secondo anno consecutivo durerà  infatti un’intera settimana, fino15 febbraio. A causa della pandemia da Covid-19, quest’anno ancor di più che negli anni passati sarà chiesto ai cittadini di donare uno o più medicinali da banco per i più bisognosi.

L’edizione 2020, riferisce una nota degli organizzatori (la Fondazione Banco farmaceutico, che istituì la Grf nell’ormai lontano 2000 con la collaborazione di Federfarama, sul calco della Giornata nazionale della colletta alimentare) ha visto la donazione e la raccolta di 541.175 confezioni di medicinali (pari a un valore di 4.072.346 euro) e nel 2021 risulta fondamentale continuare questo trend positivo, ancor più tenendo conto dell’impatto che ha avuto l’attuale pandemia sulla popolazione più povera. Sarà possibile contribuire alla Grf nelle oltre 5.000 farmacie che aderiscono in tutta Italia, grazie al sostegno di oltre 17.000 farmacisti e più di 20.000 volontari.

Nonostante le grandi difficoltà e l’incertezza rispetto alla possibilità di reclutare i volontari, a causa delle misure restrittive imposte dalla pandemia, Banco farmaceutico ha comunque voluto realizzare l’iniziativa solidale anche quest’anno, perchè – spiega il presidente della fondazione Sergio Daniotti  (nella foto a sinistra) –  “ce n’è bisogno come mai prima d’ora. Anzitutto, per un’esigenza concreta: i poveri hanno bisogno di medicine, ma non possono acquistarle; tante realtà assistenziali che si prendono cura di loro, hanno risentito della pandemia e hanno bisogno di tutto il sostegno possibile per offrirlo, a loro volta, ai poveri che chiedono loro rifugio”.
La solidarietà, aggiunge Daniotti, è anche uno strumento di resilienza, una risorsa che infonde coraggio: “Il nostro Paese, per non cedere allo sconforto e poter tornare a guardare al futuro con speranza, ha bisogno di un moto collettivo di umanità e di grandi esempi di carità. La Giornata di raccolta del farmaco è uno di questi esempi”.Risultato immagine per marco cossolo federfarma
Sulla stessa linea Marco Cossolo, presidente di Federfarma (nella foto a destra):  “Anche quest’anno sono numerose le farmacie che partecipano alla Giornata di raccolta del farmaco, iniziativa che assume un significato ancor più profondo nell’attuale contesto di emergenza sanitaria. La pandemia ha infatti contribuito ad aggravare la situazione delle persone più fragili e disagiate, che non riescono a curarsi adeguatamente”.
“Aderendo a questa campagna” ha aggiunto il presidente nazionale del sindacato titolari “le farmacie, animate per vocazione da spirito di solidarietà, tendono concretamente una mano a coloro che, a causa di crescenti difficoltà economiche, sempre più spesso sono costretti a fare rinunce peggiorando il proprio stato di salute o quello dei familiari”. In farmacia veniamo a contatto, tutti i giorni, con queste tristi realtà” ha concluso Cossolo, ricordando che la Giornata di raccolta del farmaco per le farmacie è anche un’occasione di confermare la propria vicinanza ai cittadini e l’impegno costante al miglioramento della vita collettiva.

La Grf gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica ed è realizzata con il patrocinio di Aifa e in collaborazione con Cdo Opere Sociali, Federfarma, Fofi, Federchimica Assosalute, Egualia, FederSalus e BFResearch.