Pressione, una
persona su tre ha valori
alti ma lo ignora

Roma, 23 maggio – Più di un terzo delle persone ha la pressione alta, un killer silenzioso che provoca ogni anno nel mondo oltre 10 milioni di morti. Ma molti che ne soffrono non ne sono consapevoli. È  quanto emerge da un ampio studio a livello globale pubblicato sulla rivista medica Lancet Global Health.
I ricercatori dell’Università dell’Australia Occidentale, riferisce l’Ansa, hanno analizzato i dati raccolti da 1,2 milioni di persone di 18 anni in 80 paesi. Hanno così scoperto che il 34,5% delle persone esaminate globalmente aveva una pressione sanguigna elevata (oltre 140/90). Di questi, il 17% non stava ricevendo alcun trattamento e il 46,7% stava ricevendo un trattamento ma aveva ancora una pressione sanguigna fuori controllo.
 “Ciò che è davvero allarmante è che quasi la metà delle persone che erano già in cura per l’ipertensione avevano ancora una pressione sanguigna superiore ai livelli raccomandati. In altre parole metà dei pazienti sono trattati in modo inadeguato”  ha affermato l’autore principale dello studio Markus Schlaich. E questo nonostante la disponibilità di numerosi farmaci ad hoc. Ciò, specifica, “è in gran parte dovuto al fatto che le persone non assumono i medicinali perché hanno avuto effetti collaterali o temono di averne“.
Intanto Federfarma ha deciso di prorogare di due giorni l’iniziativa “Abbasso la pressione!”, la prima campagna nazionale per il controllo dell’ipertensione che prevede la misurazione gratuita e consigli utili su come prevenire o affrontare il fenomeno. Fino al 23 maggio sarà possibile effettuare uno screening gratuito in una delle circa 6.000 farmacie che hanno aderito all’iniziativa.