Lotta a contraffazione, Pangea X sequestra 25 milioni di farmaci

Roma, 27 settembre – Venticinque milioni di confezioni di medicinali contraffatti e potenzialmente pericolosi sequestrati, per un valore di 51 milioni di dollari, e 400 arresti in tutto il mondo: sono i numeri principali, resi noti da una nota dell’Agenzia Ue,  dell’operazione Pangea X, la più vasta per il contrasto nella vendita illecita di medicinali on-line mai condotta da Interpol, a cui ha contribuito anche Europol.

Complessivamente Pangea X, condotta tra il 12 ed il 19 settembre, ha coinvolto 179 tra polizie, dogane e Autorità per la salute di 123 Paesi (Italia compresa, che partecipa i forze con Aifa, Nas, ministero della Salute e Agenzia delle Dogane) e ha portato all’apertura di 1058 inchieste, con 3584 siti web oscurati e la sospensione di oltre 3000 annunci pubblicitari on-line di farmaci illeciti. Numeri impressionanti, soprattutto se messi in relazione con la prima operazione del 2008, quando Pangea vedeva la partecipazione di soli otto Paesi.

La principale tendenza individuata è la continua crescita di farmacie on-line non autorizzate. Tra le tipologie di falsi e illeciti colpiti nell’operazione: integratori alimentari, antidolorifici, farmaci anti epilettici, antidepressivi e pastiglie per la disfunzione erettile, e prodotti alimentari. Un impegno particolare è stata posto per stroncare – chiudendo numerosi siti coinvolti –  il commercio illecito di farmaci oppioidi falsi, come il Fentanyl, responsabile – nelle varie versioni contraffatte vendute on line – di migliaia di ricoveri e di decessi in tutto il mondo.

Ma le attività si sono focalizzate anche su dispositivi medici per l’implantologia dentale, profilattici, siringhe e attrezzatura chirurgica,lenti a contatto contraffatte. In tutto ne sono state sequestrate per un valore di 500mila dollari.