Mattarella consegna onorificenze agli “eroi” dell’emergenza Covid

Roma, 21 ottobre – Si è svolta ieri al Quirinale la cerimonia di consegna delle onorificenze di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, conferite “motu proprio” dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il 3 giugno 2020, a un primo gruppo di cittadini, di diversi ruoli, professioni e provenienza geografica, che si sono particolarmente distinti nel servizio alla comunità durante l’emergenza del coronavirus.

I riconoscimenti, attribuiti ai singoli, vogliono simbolicamente rappresentare l’impegno corale di tanti nostri concittadini nel nome della solidarietà e dei valori costituzionali. “In questa fase serve la responsabilità collettiva, comportamenti diffusi, tutti siamo chiamati a contribuire e a sconfiggere la pandemia, con i comportamenti, le mascherine, il distanziamento” ha detto il presidente, richiamando l’intera comunità nazionale a un impegno che dee coinvolgere tutti, nessuno escluso.

“Evitando contatti superflui, siamo chiamati a fornire il nostro contributo per evitare di ricadere nelle condizioni di marzo-aprile” ha detto ancora il presidente. “Siamo chiamati ad una prova d’orgoglio. Sembra avvicinarsi una nuova fase di emergenza e questo richiede fiducia nella possibilità che il Paese possa superarla. Questo momento difficile ci rammenta che quanto è avvenuto in passato non è stato una parentesi ma questa fase va affrontata con terapie, impegno, organizzazione sapendo che abbiamo maggior preparazione rispetto a marzo e aprile quando il fenomeno era sconosciuto. Dobbiamo affrontare questa fase con senso di responsabilità ma anche maggior fiducia. Non vi sono interessi che possono essere tutelati se prima non prevale l’interesse generale di sconfiggere la pandemia. Qualunque altro interesse particolare sarebbe travolto e scomparirebbe” ha quindi concluso MattarellaPer questo siamo tutti chiamati, e in questo momento la situazione ci chiama e richiede a tutti una prova di orgoglio, di senso della misura, di responsabilità. Quella che voi avete messo in opera. Per questo esprimo nuovamente, a voi e a tanti altri, la riconoscenza della Repubblica”.Visualizza immagine di origine

Qui l’elenco degli insigniti dal Presidente Mattarella, tra i quali  Giuseppe Maestri (nella foto qui a lato), farmacista a Codogno, uno dei centri più colpiti dalla pandemia, nel quale il professionista (che vive a Piacenza) ha continuato a recarsi  ogni giorno, percorrendo cento chilometri in zona rossa con un permesso della prefettura, pur di assicurare farmaci, servizio e assistenza a quella comunità martoriata dai contagi.
Il premio a Maestri ha in qualche modo rappresentato un riconoscimento al grande lavoro svolto da tutti i farmacisti nelle farmacie sul territorio durante l’emergenza, spendendosi per consegnare farmaci, dispositivi e presidi a casa dei cittadini, spesso soli, anziani e malati, pagando 8come altre categoria professionali) prezzi altissimi anche in termini di vite umane.