Marche, un Ecg in farmacia salva la vita a una paziente con infarto

Roma, 26 marzo – La diagnosi tempestiva è una delle precondizioni per contrastare al meglio e con più efficacia una patologia. E, molto frequentemente (soprattutto in casi di malattie gravi , con sintomi evidenti o non facilmente interpretabili senza accertamenti strumentali più approfonditi)  salva la vita. Ma gli esami diagnostici, nel nostro Ssn che ancora non riesce a risolvere la piaga di liste d’attesa chilometriche, non sono esattamente a portata di mano, meno che meno per chi abita in piccoli centri isolati. Con conseguenze ovviamente drammatiche, che potrebbero essere evitate rafforzando i servizi sanitari di prossimità, come si predica da anni senza ancora riuscire del tutto nell’intento.

Paradigma perfetto di questa situazione è un caso registrato dalle cronache a Comunanza, paese di poco più 3000 abitanti in provincia di Ascoli Piceno, dove una signora 79enne sarebbe quasi certamente morta se l’unica farmacia del piccolo centro (la Farmacia Strada) non fosse stata attrezzata per fornire il servizio di Ecg a lettura immediata in telemedicina.

Ma veniamo al fatto, così come riportato ieri dal Corriere Adriatico. L’anziana signora nei giorni scorsi aveva avvertito qualche disturbo, che l’aveva indotta a recarsi dal suo medico di base. Il quale, al termine della visita, ha suggerito alla paziente di sottoporsi quanto prima a un elettrocardiogramma. Facile a dirsi, un po’ meno a farsi: contattata telefonicamente, l’azienda sanitaria regionale ha risposto che la prima data utile per l’accertamento elettrocardiografico era di lì a un mese. Nonostante la madre non mostrasse segnali manifesti di gravità, la figlia della signora si preoccupa in ogni caso di cercare strade alternative per non aspettare tanto e viene aiutata da un pizzico di buona sorte: incontrando casualmente al supermercato Eufemia Bruni, farmacista della Farmacia Strada (nella foto), le racconta il caso e apprende che nell’esercizio c’è la possibilità di fare l’Ecg, con consulto a distanza e risposta immediata. Il suggerimento della professionista è quindi quello di portare subito l’anziana donna in farmacia e sottoporla all’accertamento.  Cosa che viene subito fatta: il titolare dell’esercizio, Mauro Strada, effettua l’Ecg e invia il tracciato al centro Cardiomed, dove il cardiologo Francesco Silenzi in pochi minuti lo legge, manda la risposta scritta tramite mail e, constatata la gravità del caso, decide per sicurezza di telefonare anche al farmacista, dal momento che non c’è tempo da perdere. Alla signora è stato riscontrato infatti un infarto cardiaco in corso, anche senza marcati sintomi manifesti. Viene subito allertata la figlia e, chiamato il 118, la paziente viene trasportata d’urgenza all’ospedale per le necessarie terapie.