In farmacia per i bambini, presentata la campagna di solidarietà 2020

Roma, 18 novembre – Da venerdì  prossimo, 20 novembre, data in cui si celebra la Giornata Mondiale dei diritti dell’infanzia,  fino al 27 novembre, torna “In farmacia per i bambini”, l’iniziativa nazionale della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus, realizzata in collaborazione con Federfarma e Cosmofarma e con il patrocinio di Fofi,  per la sensibilizzazione dei diritti dei più piccoli e la raccolta di farmaci da banco, alimenti per l’infanzia e prodotti pediatrici per i bambini in povertà sanitaria.

Giunta all’ottava edizione, l’iniziativa – presentata ieri –  si svolgerà grazie alla preziosa collaborazione dei farmacisti, in 2000 farmacie aderenti in tutta Italia. Madrina della Fondazione, nonché testimonial e volontaria dell’iniziativa, sarà anche per quest’edizione Martina Colombari (nella foto).

In Italia, secondo dati Istat del 2019,  un bambino su otto vive in povertà assoluta. Una situazione che l’emergenza pandemica che ha pesantemente colpito anche il nostro Paese non ha davvero contribuito a migliorare, anzi!, ha certamente acuito anche per i pesanti riflessi di Covid sull’economia. “In farmacia per i bambini” è quindi ancora più importante per portare aiuto concreto a migliaia di bambini e famiglie in difficoltà.

“Sono moltissime le richieste di aiuto che la Fondazione Francesca Rava riceve da case famiglia, comunità per minori e famiglie che non riescono a far fronte alle necessità dei propri figli. Il 20 novembre e i giorni successivi, nelle farmacie aderenti tutti possiamo acquistare e donare farmaci e prodotti pediatrici per i bambini in povertà sanitaria” ha affermato al riguardo presentando la campagna la presidente della Fondazione Francesca Rava Mariavittoria Rava (qui a sinistra).

La realizzazione della campagna 2020, declinata su tv, stampa, affissione, radio e social, è stata affidata al Gruppo Armando Testa, una delle “firme” della comunicazione e dell’advertising italiani, che si è unito pro bono all’iniziativa. Sarà già capitato di vedere lo spot di In farmacia per i Bambini, in onda sulle principali emittenti televisive dal 15 novembre. Girato presso la farmacia Malpighi di Milano, il filmato lancia un messaggio forte e diretto:  il protagonista è un aeroplanino realizzato proprio con il bugiardino di un farmaco, simbolo della solidarietà concreta di una donazione. Un elemento leggiadro e delicato in grado di rappresentare la spensieratezza dei più piccoli ma anche la tenacia e l’impegno di Fondazione Francesca Rava insieme ai farmacisti e di tutti i partecipanti a questa meritoria iniziativa di solidarietà.

Nelle farmacie aderenti sarà distribuito un pieghevole sui diritti dell’infanzia, che riporterà una storia per bambini con illustrazioni di Giulia Orecchia e i disegni di piccoli pazienti che, a causa di Covid-19, hanno trascorso un periodo di isolamento nel reparto di infettivologia pediatrica dell’Ospedale L. Sacco di Milano, invitati dai medici e psicologi a disegnare, per sentirsi rassicurati e meno soli. Inquadrando un QR code si potranno vedere i video con Martina Colombari che legge le storie sui diritti dei bambini.

Tra i diritti dei bambini sarà ricordato anche il diritto alla vita, difeso e tutelato da Ninna ho, il primo progetto nazionale contro l’abbandono neonatale, nato nel 2008 da un’idea dalla Fondazione Rava e dal network KpmgG in Italia. La mission è quella di diffondere la vigente normativa italiana (Dpr 396/2000), che consente alle future mamme italiane o straniere in grave difficoltà, di poter partorire in anonimato e sicurezza, per la propria salute e per quella del nascituro, presso tutte le strutture ospedaliere pubbliche (www.ninnaho.org).

Secondo la ricerca della Fondazione  Rava in collaborazione con Irs presso gli enti beneficiari di In farmacia per i bambini, la raccolta copre il 50% dei loro bisogni farmaceutici e di prodotti baby-care annui. Le somme risparmiate vengono utilizzate nel 67% dei casi per l’acquisto di beni di prima necessità (cibo, materiale scolastico etc.) e il 22% in assistenza medica. Durante il restante anno, l’acquisto viene effettuato attraverso l’utilizzo di fondi propri, lasciando così scoperti importanti bisogni, come visite mediche specialistiche, assistenza psicologica e supporto scolastico. La povertà sanitaria minorile è correlata al progressivo aumento dei minori in povertà, 1 su 8 in Italia (dati Istat 2019) e alla povertà educativa. Una nuova ricerca condotta ha evidenziato l’incremento delle necessità degli enti per l’acquisto di mascherine, gel disinfettanti, devices per l’home schooling, in presenza di un calo delle entrate e dell’aumento dei costi dell’assistenza.

Altri numeri, utili a dare un’idea dell’importanza dell’iniziativa: in sette anni sono stati raccolti oltre 1 milione di farmaci e prodotti baby-care. Nel 2019 la raccolta è stata donata a 668 enti (case famiglia, comunità per minori, empori solidali) per 36.000 bambini beneficiari e all’ospedale pediatrico NPH Saint Damien della poverissima Haiti, che assiste 80.000 bambini/anno. In farmacia per i bambini, per 4 anni consecutivi nel 2019 ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana. È anche un evento sostenibile: ogni farmacia raccoglie per una casa famiglia o ente sul suo territorio, cui viene abbinata, con beneficenza a km 0!

Anche quest’anno, nonostante le restrizioni e le difficoltà imposte dalla pandemia di Covid-19, le farmacie partecipano numerose e con grande spirito di responsabilità sociale all’iniziativa della Fondazione Rava” ha detto intervenendo alla presentazione dell’iniziativa il presidente di Federfarma Marco Cossolo (nella foto a destra). “La grave emergenza sanitaria cheVisualizza immagine di origine stiamo vivendo sta avendo conseguenze negative proprio sulle fasce di popolazione più deboli e in particolare sulle famiglie – italiane e straniere – che non riescono a garantire ai propri bambini i prodotti per la salute di cui hanno bisogno. Per questo moltissimi colleghi, convinti che anche la solidarietà faccia parte del loro Dna professionale, in occasione della Giornata dedicata ai diritti dell’infanzia, si impegnano a promuovere nelle farmacie la donazione di farmaci da banco a uso pediatrico, di alimenti e prodotti per l’infanzia da devolvere a enti benefici che supportano le famiglie indigenti”.

“Quest’anno, a causa delle gravi ripercussioni economiche e sociali causate dall’emergenza Covid-19, é ancora piú necessario l’aiuto di tutti” ha ribadito la testimonial Martina Colombari. “E In farmacia per i bambini permette di essere vicini a chi ha più bisogno, nonostante la distanza che ci separa. Il prossimo 20 novembre, Giornata Mondiale dei diritti dell’infanzia, ricordiamo i diritti dei bambini e facciamo volare in alto la solidarietà con un gesto concreto”.

In farmacia per i bambini si svolge in 2000 farmacie su tutto il territorio italiano. Oltre ai già citati partner istituzionali Federfarma e Cosmofarma e ail patrocinio della Fofi, può coontare sulla vicinanza di una serie di aziende amiche:  BNP Paribas, Chiesi, Mellin, Nutricia, Mylan, EcoEridania, Lierac, Silc-Trudi Babycare, Vim, BD Rowa. Sostengono la campagna anche Fondazione Cariparma e Fondazione Carisbo.