Sindacati: “Farmacap verso il disastro, subito le nomine di CdA e Dg”

Roma, 22 febbraio – Riduzione del fido bancario di due milioni di euro; crollo del fatturato, -20% nell’ultimo anno; aumento per contro dei debiti maturati verso i grossisti (tre milioni di euro); mancata riscossione dei crediti dal Dipartimento delle Politiche sociali di Roma Capitale; mancato pagamento degli affitti. Queste le criticità più importanti elencate dalle rappresentanze sindacali aziendali di Farmacap, l’azienda speciale delle farmacie comunali di Roma: “Sono manifestazioni conclamate di una malattia grave e con un decorso molto veloce, che, in tempi brevi, potrebbe determinare l’incapacità al pagamento degli stipendi, già anticipata dal mancato accredito dei buoni pasto” spiegano le Rsa in un comunicato, dove viene paventato il rischio della stessa sopravvivenza dell’azienda pubblica e il futuro di circa 330 lavoratrici e lavoratori, dal settore tecnico-amministrativo, alle farmacie, dal servizio sociale al Recup.

E, a fronte del disastro imminente, non si registrano che possano preludere a decisioni e/o iniziative in grado di arginare o almeno rallentare la corsa vero il baratro. Anzi, denunciano le sigle sindacali (Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Usi),  “in sfregio al buon senso e al decoro, sembra che siano state fatte promozioni e aumenti di livello e proprio in questi giorni e l’azienda sta procedendo a trasferimenti, molti dei quali imposti, senza che sia stato sottoscritto alcun accordo con le Rsa, come previsto dal Ccnl”.

Il risultato è che, da quel dicembre 2013 in cui ci furono problemi nel pagamento dei fornitori e degli stipendi,  il tempo sembra essersi fermato e la situazione di difficoltà  – dopo sette anni ininterrotti  di commissariamento, di gestioni controverse e oltre quattro anni continuativi di direzioni generali ad interim – è esattamente la stessa. I bilanci 2013-2019 sono ancora al vaglio di Roma Capitale, che starebbe anche valutando un nuovo piano economico-finanziario (del quale, però, i sindacati lamentano di ignorare il contenuto). Non basta: la nomina del nuovo consiglio di amministrazione dell’azienda,  in attuazione di una mozione (la n. 45 del 2019) approvata all’unanimità dall’Assemblea capitolina, è rimasta lettera morta, nonostante le reiterate richieste delle sigle dei regolatori finalizzate e restituire a Farmacap una governance operativa a pieno titolo, uscendo da anni di commissariamento che – lungi dal risolverli – hanno acuito e incancrenito i problemi.

Per discutere della situazione, definita senza mezzi termini allarmante, i sindacati hanno convocato lo scorso 16 febbraio un’affollata assemblea generale (120 i partecipanti), che – insime agli altri – ha messo ancora una volta a nudo “l’assenza di notizie riguardo alla selezione di un nuovo direttore generale”, della quale – nonostante un processo di selezione avviato a settembre 2020  con la presentazione di 30 candidature e malgrado il compenso rilevante assegnato ai due docenti universitari membri esterni della commissione esaminatrice –  non si conosce fin qui l’esito. Risultato. sottolineano le Rsa, la gestione operativa di Farmacap continua a essere affidata, ormai dal 2019, a un direttore ad interim “responsabile degli ultimi due anni di una pessima gestione aziendale”.

Da qui le richieste, “al fine di evitare spiacevoli equivoci”: se l’azienda vuole formalizzare uno stato di crisi che è nei fatti, scrivono le rappresentanza sindacali, “nessuna scorciatoia è percorribile”.  La strada da percorrere è obbligata: immediati convocazione e coinvolgimento delle Rsa, ma aanche – se davvero si vuole dare un segnale della volontà di affrontare la crisi deVisualizza immagine di originella Farmacap, immediato “dimissionamento” dell’attuale direttore generale.

“Sarebbe quantomeno singolare che chi ha condotto la Farmacap in questa situazione disastrosa, possa pensare di trovare soluzioni alla crisi” scrivono al riguardo le Rsa, che confermano la decisione di organizzare la già preannunciata manifestazione  in Piazza del Campidoglio “per pretendere risposte e soluzioni” dalla sindaca Virginia Raggi (nella foto).

Nel frattempo, però. le rappresentanze dei lavoratori di Farmacap hanno ottenuto dai consiglieri di opposizione di Roma Capitale “la richiesta di un seduta straordinaria dell’Assemblea Capitolina su Farmacap”. La data e gli altri dettagli della mobilitazione pubblica in Campidoglio saranno resi noti non appena le Rsa otterranno informazioni precise sul calendario delle Assemblee capitoline.