Farmacap, oggi Assemblea capitolina straordinaria e protesta dei sindacati

Roma, 9 marzo – Si tiene oggi in Campidoglio la manifestazione di protesta dei lavoratori di Farmacap organizzata dalle rappresentanze sindacali aziendali, che vogliono portare proprio nel cuore delle istituzioni capitoline il loro appello a intervenire per risollevare le sorti di un’azienda ormai sull’orlo del baratro. Come già riferito dal nostro giornale, lo scorso 25 febbraio il commissario straordinario Marco Vinicio Susanna, il direttore ad interim Emiliano Mancini e il presidente dei revisori dei conti Giampaolo Cocconi hanno illustrato una situazione drammatica: mancano addirittura i soldi per pagare gli stipendi di marzo e le forniture, anche a causa del taglio secco di due milioni del fido bancario sul quale l’azienda speciale capitolina contava per tirare ancora avanti. Servirebbe una ricapitalizzazione di almeno 12 milioni, con l’approvazione di tutti i bilanci ancora in sospeso dal 2013 al 2019, o l’alternativa non potrà che essere quella di portare i libri in tribunale per procedere alla liquidazione coatta dell’azienda.

Una fine alla quale, ovviamente, i sindacati non si rassegnano, come testimonia l’immediata mobilitazione che culmina oggi nell’assemblea sindacale convocata in piazza del Campidoglio, anche per consentire a tutti i dipendenti che parteciperanno di usufruire del previsto permesso retribuito, dalle ore 14.30  alle 19.30. “In quella fascia oraria” hanno spiegato le Rsa “tutte le farmacie e gli sportelli sociali potranno essere chiusi, a eccezione delle farmacie di turno da calendario nella giornata del 10 marzo”.

La giornata di protesta si tiene in concomitanza con l’Assemblea straordinaria del Consiglio capitolino che, a seguito delle reiterate richieste delle opposizioni e degli stessi sindacati, è stata convocata proprio per affrontare la questione Farmacap, dopo che l’azienda speciale che gestisce le 45 farmacie comunali di Roma è stata per l’intero quinquennio della consiliatura Raggi sostanzialmente abbandonata a se stessa, affidata per anni a una gestione commissariale ovviamente non in grado di intervenire sui problemi strutturali dell’azienda e con le leve operativo-gestionali delegate a DG ad interim.

L’opposizione, in qualche caso anche contraddicendo posizioni su Farmacap in passato ben diverse, spara a zero sulla sindaca Raggi e sulla Giunta capitolina. Per Cristina Grancio (nella foto a destra), consigliera del Gruppo Misto dopo la rottura  con la maggioranza M5s, il nodo vero della questione è l’irresolutezza dell’amministrazione Raggi, dopo le roboanti promesse della campagna elettorale.  “Farmacap è una nota dolentissima, un’azienda che avrebbe sicuramente delle grosse potenzialità ma è una di quelle che brancola nel buio, perché l’amministrazione non ha in realtà il coraggio di dire cosa vuol fare di questa azienda. Ovvio che le farmacie di Roma fanno gola ai grandi gruppi” è il pensiero di Grancio “perché in realtà sono un elemento di concorrenza forte per tutto il settore privato”.

Visualizza immagine di origineMolto critico anche Francesco Figliomeni,consigliere capitolino di Fratelli d’Italia e vicepresidente dell’Assemblea capitolina (nella foto a sinistra), che proprio alla vigilia della seduta straordinaria di oggi ha diramato una nota al vetriolo, nella quale imputa per intero “il disastro imminente” alla assenza di azioni “da parte della Raggi e della giunta grillina”, non in grado a suo giudizio di “consentire un cambio di passo alla Società o quanto meno arginare la corsa verso il baratro”.

Durissima la condanna sulla scelta di affidare Farmacap, nonostante la critica condizione economica, “a un Commissario straordinario dal cospicuo stipendio che prima era nello staff dell’assessore Lemmetti, senza invece preoccuparsi di nominare un CdA o un manager di provata esperienza per rilanciare l’azienda”.

“Questa situazione conferma lo sfacelo, nella gestione delle aziende partecipate e controllate dal comune di Roma, da parte dell’amministrazione Raggi, che si ripercuote a cascata sulla resa, pessima, dei servizi al cittadino e che, nel corso di questi cinque anni, non è riuscita ad avere un minimo miglioramento della qualità dei servizi in alcun settore” conclude Figliomeni, assicurando che ribadire le stesse posizioni nell’Assemblea straordinaria di oggi. ” Tutte le aziende che dovrebbero gestirli e offrirli stanno vivendo una grave situazione di precarietà, con conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti”.

L’Assemblea di oggi, alla quale sono stati ammessi con diritto a intervenire anche i rappresentanti sindacali (quattro), dopo le procedure istituzionali introduttive, prevede – secondo quanto il nostro giornale è riuscito a sapere – l’intervento della sindaca Virginia Raggi, alla quale seguiranno quelli dei vertici di Farmacap e quindi quelli dei sindacati, Seguirà la discussione (tempo quantificato in circa due ore), un’ora e mezza per gli interventi delle opposizioni e quindi lo spazio per presentazione e voto degli ordini del giorno.

Ne riferiremo prossimamente.