“DECRETO SCUOLA”, IMPORTANTI NOVITA’ PER I CREDITI ECM

Si segnala, tra le disposizioni introdotte in sede di conversione, quella di cui all’art. 6, comma 2-ter, in base al quale i 50 crediti da acquisire, per l’anno 2020, da medici, odontoiatri, infermieri e farmacisti in qualità di dipendenti delle aziende ospedaliere, delle università, delle unità sanitarie locali e delle strutture sanitarie private accreditate o come liberi professionisti, attraverso l’attività di formazione continua in medicina (ECM), che costituisce requisito indispensabile per svolgere attività professionale, si intendono già maturati da coloro che, in occasione dell’emergenza da COVID-19, abbiano continuato a svolgere la propria attività professionale.

La novella, in vigore dal 7 giugno u.s., reca, dunque, una norma transitoria in materia di formazione continua in medicina (ECM) che riconosce, per il 2020, come maturati i 50 crediti previsti nell’ambito della suddetta formazione, nei confronti dei soggetti che, durante l’emergenza epidemiologica da COVID-19, abbiano continuato a svolgere il proprio servizio.

 Decreto Scuola