Certificati vaccinali in farmacia, successo in Puglia per l’iniziativa

Roma, 7 settembre – I cittadini pugliesi hanno molto apprezzato l’intesa tra Regione e Federfarma Puglia che ha “arruolato” le farmacie di comunità per fare fronte alla necessità di certificare l’assolvimento dell’obbligo vaccinale da parte dei bambini fino a sei anni di età, un adempimento burocratico richiesto alle famiglie dalla legge sui vaccini che rischiava di creare non pochi problemi a famiglie, scuole e amministrazioni sanitarie locali.

Come riferito due giorni fa da  RIFday, grazie all’accordo stipulato tra Regione e farmacie, in Puglia i genitori che hanno bisogno del certificato per iscrivere a scuola il proprio figlio non devono far altro che recarsi in farmacia con la tessera sanitaria del bambino; provvederà il farmacista a stamparlo e consegnarlo, dopo avere interrogato via web il portale regionale dell’anagrafe vaccinale.

Una soluzione resa subito operativa e che ha incontrato l’immediato favore dei genitori pugliesi: in soli due giorni, comunica Federfarma Puglia,  sono stati ben 15.529 i certificati richiesti e rilasciati dalle farmacie di comunità pugliesi, che offrono gratuitamente il servizio. Ma il numero, secondo il sindacato dei titolari, è sicuramente destinato a salire.

Risultano in aumento anche le prenotazioni delle visite specialistiche tramite le farmacie al Cup del Policlinic, che in provincia di Bari superano le mille richieste in un mese: dal 1° agosto vi è anche la possibilità di pagarvi il relativo ticket. Ma registrano numeri in crescita anche gli altri servizi messi a disposizione dei cittadini dalle farmacie, come quelli relativi alla iniziativa FarmaciaEstate, con particolare riferimento alla misurazione pressoria (cresciuta del 15%) e alla consegna di medicinali a domicilio (più 30%) nella sola area metropolitana barese.Una conferma dell’indiscusso apprezzamento che i cittadini riservano ai servizi (inclusi quelli di sportello) resi in quello che, per la sua presenza capillare sul territorio, resta il presidio sanitario di prossimità per eccellenza.

Ma Federfarma Puglia annuncia un’ulteriore accelerazione sul terreno dei servizi: è infatti in arrivo un nuovo protocollo di intesa con la Regione Puglia, che prevede la possibilità di prenotare le sedute vaccinali direttamente in farmacia, per assolvere nei termini previsti gli obblighi che discendono dalla legge sui vaccini. “In questo modo – spiega il sindacato presieduto da Vito Novielli (nella foto)la rete delle 1200 farmacie pugliesi contribuirà non solo ad agevolare concretamente le famiglie e ad alleviarne i disagi, ma anche a decongestionare le Asl e a diffondere l’utilità della pratica vaccinale”.