Berlusconi: Se vinciamo, ci sarà un ministero
per la Terza età

Roma, 20 novembre – “Se gli italiani, come credo, ci daranno il compito di governare ci sarà una novità importante, quella di un ministero della terza età”. È uno dei passaggi più significativi del videomessaggio che Silvio Berlusconi (nella foto) ha rivolto ieri ai suoi “cari coetanei” in occasione di un videomessaggio trasmesso al congresso di FederAnziani in corso a Rimini e presieduto dal senatore di Forza Italia Andrea Mandelli.

“Nel 2016, tre milioni di anziani hanno dovuto rinunciare alle cure perché troppo costose. Oggi nessuno anziano può vivere con una pensione minima di 500 euro: oggi è doveroso e indispensabile aumentare almeno a mille euro al mese per tredici mensilità i minimi pensionistici” ha detto Berlusconi. “Nessun anziano deve essere escluso da questa misura, comprese le nostre mamme che hanno lavorato tutti i giorni a casa e che devono poter avere una vecchiaia serena e dignitosa. Se gli italiani ci faranno governare saranno questi i primi provvedimenti del nostro governo: è un impegno che prendo con voi”.

La sortita, secondo quanto riporta oggi un articolo del Corriere della Sera, sarebbe giunta inaspettata anche all’interno della stessa Forza Italia, dove però – riferisce sempre il quotidiano milanese – ci sarebbe invece chi dice che “il Cavaliere abbia già parlato della sua intenzione e sia a caccia del nome giusto”.

Nome che – questa la prima ipotesi formulata dal quotidiano di via Solferino – potrebbe essere quello dello stesso Mandelli, “che avrebbe senza dubbio il fisico del ruolo: è il presidente dell’Ordine dei farmacisti e molto vicino a FederAnziani (…). In più, il che non guasta, è senatore di Forza Italia”.

Come guida dell’ipotetico nuovo ministero il Corriere della Sera ipotizza però anche il nome di un altro possibile candidato, Girolamo Sirchia, ex ministro della Sanità ormai 84enne, ma, scrive il quotidiano, “in gran forma: proprio ieri è stato lungamente applaudito a un congresso sulla riforma sanitaria lombarda”.

Al di là dei nomi, però, il Corriere della Sera insiste sulla concretezza dell’ipotesi dell’istituzione del nuovo dicastero: tra gli indizi che la accrediterebbero il giornale indica il fatto che “Mariastella Gelmini sta  organizzando una tre giorni dal titolo ‘Idea Italia’ che avrà al centro l’impresa, il lavoro e soprattutto il welfare. Chiuderà l’evento lo stesso ex premier”.

La stessa Gelmini. al riguardo, fa notare che “Silvio Berlusconi è stato l’ultimo ad aumentare le pensioni minime. Oggi ha ben chiaro che questo paese è stato colpito dalla crisi e si deve reinventare un welfare. Non solo per la terza età ma anche per l’infanzia e per le madri che lavorano e non sanno come gestire la vita dei figli”. 

Altri segnali dell’interesse di Berlusconi per il terza età sarebbero anche, secondo il Corriere della Sera, le pregresse attenzioni riservate alla tematica, testimoniate da proposte come quella di concedere gratuitamente le dentiere agli anziani in difficoltà economiche. “Ora però la sua analisi è molto più circostanziata che in passato” scrive l’autorevole quotidiano milanese “segno che il tema della terza età entrerà in modo deciso nella campagna elettorale imminente”.