Aifa, spesa farmaci sfora di un miliardo, in calo la convenzionata

Roma,  27 febbraio – La spesa farmaceutica convenzionata e per acquisti diretti si è attestata a 14.878,2 milioni di euro, con uno scostamento assoluto rispetto alle risorse complessive del 14,85% (13.842,2 milioni) pari a +1.036 milioni, corrispondente a un’incidenza percentuale sul Fondo sanitario nazionale del 15,96%. Il disavanzo è calcolato avendo escluso dalla spesa farmaceutica la stima delle risorse stanziate con i fondi per i medicinali innovativi oncologici e non oncologici.

È quanto emerge dal monitoraggio dell’Aifa sulla spesa farmaceutica nel periodo gennaio-ottobre 2017, del quale riferisce un lancio dell’agenzia Public Policy.

La spesa farmaceutica per acquisti diretti si è attestata a 7.819 milioni di euro, con un’incidenza sul Fondo sanitario nazionale del 8,39%, pari ad un disavanzo rispetto alla spesa programmata di 1.396 milioni. La spesa farmaceutica per la distribuzione diretta di fascia A si è attestata a 3.947 milioni evidenziando un decremento, rispetto all’anno precedente, pari a 776,9 milioni (-16,4%).

Differente è l’andamento della spesa farmaceutica convenzionata a carico del Ssn che, al netto degli sconti, della compartecipazione totale (ticket regionali e compartecipazione al prezzo di riferimento) e del pay-back versato alle Regioni dalle aziende farmaceutiche, si è attestata a 6.789 milioni di euro, registrando un decremento rispetto allanno precedente pari a 54 milioni di euro (-0,8%).

In particolare rispetto al tetto programmato per la spesa convenzionata si registra un avanzo di 360,3 milioni di euro. Diminuiscono anche i consumi, espressi in numero di ricette (484 milioni), pari a – 0,6% rispetto al 2016, mentre l’incidenza del ticket aumenta dello 0,7% (9 milioni di euro). Parallelamente si osserva un incremento del +3,4% delle dosi giornaliere (+697,6 milioni).